Chi siamo Quesiti Decaloghi Difesa del turista
Servizi Sedi regionali Chat Difesa consumatori
Iscrizione Consulenza online Download Link

Mobilità: Blocco traffico

 

LINK

 

Inquinamento
I dati sull'inquinamento delle città sono:
Demagogici e politici
Reali ed oggettivi
Centri storici
Se favorevole ai centri storici a pagamento?
Si
No

 

Come ogni anno, nel periodo metà gennaio primi di marzo e ottobre metà dicembre, si riparla di blocco auto, inquinamenti, ecc. E come al solito riparte la solita "sinfonia". Da quando si è scoperto che le macchine inquinano, il periodo è sempre questo (visto il clima) tanto è vero che il 65% degli italiani, secondo una ricerca condotta da Telefono Blu Sos Consumtori, non ci fanno più caso se non fosse che partono i disagi per muoversi, trovare parenti, andare in ospedale e soprattutto andare a lavorare.

E la domanda è sempre la stessa: ma a cosa serve? A questo quesito poi negli ultimi due anni se ne aggiunge un altro. Ma non si tratta per caso di un bluff dei Comuni che così sperimentano le loro politiche repressive che si associano anche alle recenti iniziative dei semafori con telecamera, delle telecamere per gli accessi ad alcune aree e degli ormai famigerati riconoscibili o meno ausiliari del traffico? Un enorme macchina  da soldi che è sostenuta da incerte e spesso confuse normative  da incerti confusi e demagogico/ideologhe asserzioni scientifiche, che ha come unico vero grande obiettivo colpire le tasche dei cittadini.

E la cartina al tornasole ci fa capire quanto sia vera questa asserzione. Infatti in alcuni Comuni esageratamente propensi a dannare la gente non si pensa a costruire alternative credibili al traffico privato come metropolitane, tranvie moderne e poco invasive, ma piuttosto con risposte da beffa che vorrebbero tutti a piedi a "cazzeggiare" (non è una parolaccia né uno sfogo). Insomma tutto e il contrario di tutto. Ovviamente ben si guardano sopratutto nel Nord a denunciare l'inquinamento del metano da abitazione (venduto come pulito da tante lobby) sia in gruppo che individuale, e soprattutto industriale. Si dovrebbe ben sapere che Pm10 e Ipa si sviluppano nelle fasi di accensione e spegnimento (per cui più accendi e spegni più inquini). Ma nonostante tutto non vengono pubblicati i dati delle rilevazioni, si blocca a casaccio e secondo "spinte" che non hanno nulla a che vedere. Di fatto una sana e naturale pioggia spesso risolve "tanta idiozia".

Noi, sostiene Telefono Blu Sos Consumatori, siamo piuttosto stanchi di questa ipocrisia ma spesso non si fa in modo che queste cose si sappiano e si viene censurati. Si cerca poi di "agganciare" il problema a quello del fumo e si scopre finalmente che la sigaretta produce danni infinitamente più grandi e più certi... Che fare? Noi ci proviamo ancora, dai siti www.sosviaggiatore.com e www.sosconsumatori.it vogliamo raccogliere le "bugie dei Comuni". Poi ovviamente un appello a fare le infrastrutture e non perdere tempo in tutte le grandi città e occorre però salvare anche le tasche. Le regioni che operano blocchi devono ridurre il costo del bollo, le assicurazioni si devono adeguare e altrettanto dovrà fare il governo con l'Iva.

Mezzi che possono circolare
Tutti gli autorizzati, come ad esempio quelli con cartellino handicap, e tutti i mezzi auto (moto non ancora) euro 4. Come riconoscere? Devono riportare nel libretto questi dati: 98/69b - 98/7 rif 98/99 - 2003/7/CE/B

 

Altri dati

Le caldaie a carbone, e non sono poche nel nostro paese, inquinano come 300mila veicoli privi di marmitta catalitica.
 

 

Il tuo Comune dice bugie sui blocchi del traffico?
Denunciaceli e lo faremo sapere a tutti.

 

Formula la tua denuncia:
 
Informaci su chi sei per risponderti:
(Non dimenticare l'indirizzo E-Mail per conoscere la risposta)
 
Nome:
Cognome:
 
Indirizzo:
 
CAP, Città e Provincia
 
Email:
Telefono casa:
 
Telefono lavoro:
FAX:
 
Cellulare:
Anno di nascita:
 
Professione:
 

Privacy: E' garantita la riservatezza dei dati inseriti, che sono trattati in conformità al DL 196/03 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali". Il "titolare" del trattamento dei dati è Telefono Blu che ha sede in via Solferino n.32 - 00185 Roma (e Casella Postale 2050 - 40139 Bologna Levante). I dati verranno trattati per le finalità proprie delle iniziative dell'Associazione, per le iniziative di sostegno, anche finanziario. Nel compilare e inviare il presente modulo dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità a quanto ivi descritto.

hit tracker


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: Telefono Blu - SOS Consumatori - Città Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

free web tracker